Il tuo browser non supporta JavaScript!

Blog

Psicologo: cosa NON è e cosa NON fa

pubblicato il 13 marzo 2019

Cosa non è uno psicologo? Cosa non fa uno psicologo?

 

Ci sono un sacco di credenze e concetti stereotipati rispetto a ciò che lo psicologo dovrebbe fare, dire, pensare all’interno della stanza di terapia. Cerchiamo quindi di fare chiarezza rispetto cosa non fa e cosa non è sia in terapia individuale che in quella di coppia.

Lo psicologo innanzitutto non è un amico, è un professionista specializzato nel trattare alcuni temi legati al benessere della persona e al suo equilibrio. La relazione terapeutica è quindi ben diversa dalla relazione amicale!

Lo psicologo non dirà mai al paziente cosa è giusto che egli faccia perché lo psicologo non può sapere di default cosa è giusto per quella persona, anzi, aiuta la stessa a prendere in autonomia delle decisioni. Permette al paziente di ragionare sull’argomento, offre punti di vista inesplorati!

Lo psicologo non giudica in alcun modo il comportamento del paziente, sia in termini di valore che di giusto\sbagliato. Lo psicologo infatti parte dal presupposto che il comportamento è basato su una motivazione più o meno conscia quindi parte da questo presupposto per aiutare la persona ad andare nella direzione in cui questa vuole andare.

Lo psicologo non si sostituisce al paziente nella risoluzione del problema! Lo psicologo non si fa carico del problema come fosse una delega anzi è un supporto che aiuta la persona ad essere il più pronta possibile nella risoluzione del problema stesso.

Nella terapia di coppia ci sono ulteriori specifiche da fare. Lo psicologo infatti con le coppie non lavora affinché queste si lascino a meno che non sia la coppia che lo voglia. Non è lo psicologo che decide che una coppia deve separarsi quindi lavora in maniera subdola per raggiungere questo obiettivo. Se la coppia non vuole lasciarsi lo psicologo lavorerà con essa perché possa riunirsi.

In secondo luogo quando si lavora con una coppia lo psicologo non andrà mai ad etichettare ed individuare un possibile “colpevole”, non dirà mai “la coppia non funziona a causa tua”, non si erge a giudice che proclama sentenze. Lo psicologo invece aiuta la coppia a comprendere il perché si instaurano certe dinamiche e come queste possono essere risolte.

Lo psicologo infine non fa miracoli: se una coppia non si ama più lo psicologo non può aiutarla affinché l’amore sbocci di nuovo, se la coppia non vuole più stare insieme difficilmente lo psicologo potrà tenerla unita.

Lo psicologo non è come un tecnico del computer che sistema il danno al Pc mentre tu fai una passeggiata ed al rientro il computer è come nuovo. Lo psicologo offre un supporto ma IL PROTAGONISTA DEL CAMBIAMENTO RIMANE IL PAZIENTE, LA COPPIA O LA FAMIGLIA.  

 

Vuoi saperne di più?

Il Network

Minds - Psicologia per lo sviluppo
CHANGE - Centro di Psicologia per la Coppia e la Famiglia
Minds - Psicologia per la Coppia e la Famiglia
Mama-o