Il tuo browser non supporta JavaScript!

Blog

Perché lo psicologo psicoterapeuta non da consigli

pubblicato il 22 maggio 2019

Mi capita continuamente di ricevere messaggi, telefonate, email, in cui mi viene riassunta la situazione e chiesto un consiglio. Come mai non posso darlo? 

Principalmente per due motivi: innanzitutto c’è una componente etica e deontologica, con poche informazioni che vengono date, con una breve telefonata informativa piuttosto che con un messaggio WhatsApp o una email non posso farci niente. Non è mai la situazione di per sé che deve essere risolta ma è il significato che la situazione ha per la persona a dover essere cambiato e quindi poi affrontato ed eventualmente risolto. Quindi non è che di fronte alla situazione riportata per esempio “mio marito mi ha tradito” si può risolvere il problema con un consiglio, è impossibile! Innanzi tutto non sarei professionale a dare una risposta con poche informazioni a mia disposizione quindi è impossibile dare un consiglio e diffidate anche da chi offre questo tipo di consigli in maniera leggera perché non è il tema specifico che dovrà essere affrontato ma il significato che il tema genera per la persona. È anche impossibile dare consigli perché per poter essere utile per poter dare delle restituzioni e dei movimenti terapeuti, non dei consigli, mi occorrono molte più informazioni. Solitamente queste informazioni vengono raccolte nella fase di consultazione che ha la durata di due o tre incontri, dipende ovviamente dalla complessità del caso ed alla situazione specifica. In secondo luogo c’è anche una motivazione puramente professionale di rispetto del mio lavoro e della mia professionalità e della mia professione. Lo psicologo psicoterapeuta non dà consigli, non è un amico ma è un professionista a cui rivolgersi nel momento in cui si trova ad affrontare una difficoltà. Quindi lo psicoterapeuta in un qualche modo è portato a dover tutelare il proprio lavoro discriminando tra la componente puramente amicale di consiglio da quella invece puramente professionale cioè di restituzione terapeutica, di processo terapeutico. Per questo non riesco e non posso rispondere a tutte quelle telefonate a tutti quei messaggi, mail, in cui mi viene detta la situazione e chiesto un consiglio non perché non voglio ma perché per fare lo psicologo psicoterapeuta devo avere più informazioni e strutturare un intervento che può essere di consulenza psicologica, se voglio dare un consiglio devo pormi in una condizione amicale che esula dal mio ruolo e dalla mia professione. 

Vuoi saperne di più?

Il Network

Minds - Psicologia per lo sviluppo
CHANGE - Centro di Psicologia per la Coppia e la Famiglia
Minds - Psicologia per la Coppia e la Famiglia
Mama-o