Il tuo browser non supporta JavaScript!

Blog

Terapia di coppia o individuale?

pubblicato il 22 febbraio 2018

Mi capita spesso di ricevere telefonate in cui sento dire “ho tradito il mio partner”, oppure “sto affrontando un momento di difficoltà dal punto di vista intimo con il mio partner e lui/lei mi ha consigliato di intraprendere un percorso”.


Le vie che portano alla terapia sono diverse e anche le motivazioni. Ciò su cui voglio riflettere è quando conviene fare un percorso di coppia e quando conviene fare un percorso individuale.

 

Dal mio punto di vista non è il sintomo a discriminare qual è il tipo di intervento che conviene fare, ma più che altro quanto la difficoltà che mi trovo a vivere è impattante per la coppia, poiché individuare il corretto formato della terapia, che può essere individuale, di coppia o familiare, è particolarmente importante anche per la sua efficacia.


Quando mi sento dire “ho tradito il mio partner o la mia partner e mi è stato consigliato di fare un percorso” mi fermo e chiedo cosa pensa il partner, se sia disposto a venire o meno, perché dal mio punto di vista (in relazione alla difficoltà presentata) questa è un’informazione cruciale per il buon esito della terapia. 


Il tradimento più di tutti (seguito dalle difficoltà sessuali) va ad implicare un’alterazione delle dinamiche di coppia; se però non c'è la disponibilità del partner tradito a partecipare a degli incontri, allora mi viene da chiedere “come la soluzione può essere individuale, se all'interno della coppia c'è stato un tradimento, che per definizione coinvolge le due persone e sicuramente almeno una terza?


E’ quindi importante riuscire a capire qual è il formato migliore e soprattutto la volontà del paziente, rispetto a come immagina il percorso, ma lo è altrettanto il punto di vista dell’altro, di colui che “invia” al terapeuta il partner, consigliandogli di farsi curare.


In definitiva, se di fronte a situazioni particolarmente coinvolgenti rispetto agli equilibri della coppia (come  ad esempio tradimenti), non c'è la disponibilità a partecipare (da parte di entrambi) a degli incontri di coppia, allora il problema è un più all’origine di quanto si creda.

Vuoi saperne di più?

Il Network

Minds - Psicologia per lo sviluppo
CHANGE - Centro di Psicologia per la Coppia e la Famiglia
Minds - Psicologia per la Coppia e la Famiglia
Mama-o