“Dottore ma come si fa a superare una relazione, come si fa ad andare avanti, come posso ritrovarmi, come posso ricostruirmi, cioè come posso davvero mettermi alle spalle una relazione?”. È una domanda complessa a cui rispondere ma riassumendo ci sono tre fasi, che vanno dall’interruzione di una relazione alla riscoperta, alla rinascita e quindi alla capacità di stare nuovamente bene e rimettersi in gioco all’interno dell’universo relazionale sentimentale. Queste fasi sono: il lutto, la riscoperta e la rinascita.

Il lutto è la fase di rielaborazione, di pensiero, di giustificazioni, di motivazioni, di accuse, di dolore che è presente sia nel momento in cui siamo stati noi ad interrompere la relazione sia nel momento in cui è stato l’ex partner, nonostante noi non fossimo d’accordo o avremmo dato ulteriore speranza o vita alla relazione. Questa fase è fatta di rifiuto, di negazione, di compromessi, di contraddizioni, di richieste di  spiegazioni e ci sono dei grandi tumulti interni, che portano ad una fase auspicabile di accettazione dello stesso, cioè della presa di atto di coscienza di ciò che è accaduto e quindi di cosa effettivamente non ha funzionato, indipendentemente che l’altro sia stato in grado o meno di darci delle motivazioni (queste per un vero superamento del lutto arrivano da noi stessi, quindi nella messa in discussione di noi stessi e da un’analisi conscia e lucida della relazione che è stata e quindi di cos’è che effettivamente per me e per l’altro non ha funzionato). Richiede un periodo di circa sei mesi ma dipende tantissimo da quanto è stata importante la relazione, che significato ha avuto, quanto è durata quindi quanto ci si sia trasformati con essa.

Superato il lutto c’è la fase di riscoperta: la persona si sente cresciuta e cambiata e quindi da un lato c’è una parte di dispiacere e magari di ansia, di agitazione nell’idea di non riuscire più a trovare e provare queste sensazioni, trovare qualcuno che poi sia così capace effettivamente di valorizzare queste parti ma si inizia anche a considerare tutte quelle parti di sé che in quella relazione hanno effettivamente trovato spazio o che magari non sono state coltivate e quindi ci si apre al mondo, ci sono dei tentativi nuovi, si cambia e si inizia a provare un qualcosa di nuovo, si cambia registro comunicativo, si iniziano a fare delle cose che magari in passato non ci si era mai concessi, ci si trasforma, si conoscono nuovi tratti e nuove parti di sé e quindi si aumenta il ventaglio di possibilità, si aumenta il ventaglio di esperienze, si aumenta l’insieme di sfumature; soprattutto quando si esce da una relazione lunga ad un certo punto quando si innesca, è come se si tornasse a respirare, tutto diventa un po’ più colorato, perché le marce che possiamo utilizzare in campo relazionale, non necessariamente sentimentale, ci rendiamo essere molto più ampie e molto più numerose di quanto invece erano quelle che utilizzavamo all’interno  della relazione. La novità può manifestarsi in mille modi: esperienze, il registro comunicativo, quello relazionale, l’atteggiamento che viene utilizzato spesso questo consiste anche in una maggiore leggerezza, spontaneità o mettere al centro se stessi, che poi per quanto possa sembrare egoistico invece diventa spesso un catalizzatore per altri potenziali futuri partner.

In ultimo la rinascita, ossia la possibilità, la volontà, il desiderio, che progressivamente nasce di riaprirsi ad una nuova relazione, perché questo nostro nuovo atteggiamento determinato e agito all’interno della riscoperta porta ad attrarre nuovi potenziali partner, nuove persone che vogliono conoscerci, che vogliono passare il loro tempo con noi e qui noi dobbiamo essere capaci non solo di portar noi stessi e quindi farci conoscere e conoscere l’altro ma soprattutto di non dimenticarci di parti di noi stessi e di quelle nuove parti di noi che abbiamo riscoperto successivamente alla fase del lutto e che abbiamo necessità di coltivare, quella parte o quelle parti di noi alle quali non siamo più disposti a rinunciare.

Questi possono essere degli spunti per capire in che momento ci si trova a seguito dell’interruzione della relazione e quindi quanto manca anche per poter ritrovare, riscoprirci, ripartire anche con una relazione che inevitabilmente sarà più matura, poiché ricordiamoci che le relazioni passate non devono essere cancellate, devono essere utilizzate per rendere le relazioni future più significative, più piene, più sane.

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.








    Partners

    Contattami