Oggi parliamo della rivalutazione cognitiva e dell’importanza che ha il suo utilizzo nella nostra percezione. Molte volte il linguaggio che noi andiamo a utilizzare è ciò che costruisce la nostra realtà. Spesso noi ci raccontiamo ed il racconto stesso che facciamo determina la costruzione della nostra realtà. Il linguaggio partecipa attivamente alla costruzione di quello che noi creiamo reale. Molte volte infatti ci troviamo a vivere emozioni, sensazioni, stati d’animo che noi nominiamo a cui diamo una nostra definizione; questo ci aiuta a definire ciò che stiamo vivendo ma al tempo stesso   ci aiuta anche a capire cosa dobbiamo aspettarci. Il problema è che spesso non diamo il nome giusto alle cose, molte volte i nomi, le etichette risultano semplicistiche, sbagliate, riduttive, inutili semplificazioni, scorciatoie che permettono di ottenere immediatamente un risultato. Quindi dare un nome a qualcosa spesso può essere sbagliato soprattutto se la situazione è delicata come la salute di una persona. Per esempio se dovessimo sentirci agitati, confusi, sudano le mani, abbiamo un formicolio e una sensazione strana allo stomaco, un po’ di secchezza delle fauci, questi sintomi potrebbero essere letti da alcuni come ansia, agitazione, e da altri invece come eccitazione per una sfida, caratteristiche quindi dell’adrenalina. Ciò che nella realtà accade quindi nel corpo ovvero i sintomi sono sempre gli stessi tuttavia questi cambiamo per la realtà soggettiva quindi nella percezione che la persona ha di ciò che gli sta accadendo.

Il nome che diamo alle cose è come ci aspettiamo le cose siano, quindi il nome che diamo loro va ad influenzare la visione che noi abbiamo della situazione quindi la nostra percezione. La rivalutazione cognitiva è il processo che ci permette di andare a cambiare il nome alle cose, che ci fa dire “attenzione quello che tu finora hai definito come attacco di panico e paura in realtà non sono questo”. La rivalutazione è quindi una ridefinizione cognitiva, un processo che ci permette di andare a rivalutare la situazione, rivederla con un’accezione diversa. Ci permette di costruire una realtà diversa.

 

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.








Partners

Contattami