L’attacco di panico ha origini antiche, deriva dalla mitologia e dal Dio Pan. Il Dio Pan era un essere metà uomo e metà capra che attaccava le ninfee nel bosco per possederle, quindi era abusante e cattivo. Le ninfee, conoscendo il dio Pan e le sue intenzioni, andavano nel panico, vivevano il “timor panico” da cui nasce il termine e la definizione attuale.

Dal punto di vista diagnostico e terapeutico se è sintomo o se è malattia deve essere distinto. Nel manuale dei criteri diagnostici è malattia e patologia a se stante, quindi se si parla di criteri diagnostici è malattia. Dal punto di vista terapeutico distinguere tra sintomo e diagnosi non è utile: il soggetto non se ne fa nulla della pura diagnosi.

Il panico è sempre un sintomo e parte di un problema, infatti configurare un sintomo o una diagnosi non è mai semplice poiché sintomi ansiosi si possono configurare in moltissimi quadri complessi e poco inquadrabili.

Le diagnosi sono sempre delle medie, le persone non sono delle medie. Avere una diagnosi a tratti è anche peggio di non averla, qualora infatti una persona scopre il nome della patologia che ha vissuto spesso va a leggere su Dr. Google quali sintomi caratterizzano la diagnosi stessa scoprendo che ce ne sono altri che non ha vissuto, l’esito? La persona si aspetterà di vivere anche i sintomi che finora non ha vissuto ma che ha letto in internet peggiorando drasticamente il quadro della situazione.

 

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.








Partners

Contattami