Qui trovate la prima parte dell’intervista sul tradimento e qui la seconda. Continuo a rispondere alle domande!

Quanto è facile perdonare? E quanto è giusto?

Parto col dire che io parlo sempre di superare un tradimento poichè perdonare ha significati e sfumature diversi per ognuno di noi. Per me il tradimento va sempre superato, è la regola base, e con superare io intendo proprio “andare oltre”, sia che si decida di continuare a stare insieme sia che si scelga la strada della separazione. Le vie per superare il tradimento a mio avviso sono due

  • ripartire dalla coppia, avendo ben chiaro che le cose non saranno mai come prima (e meno male, perchè il “prima” è ciò che ha portato al tradimento)
  • uscire dalla relazione ma essere pronti, nel futuro, ad avere nuove relazioni, perdonando se stessi.

La capacità di fidarsi nuovamente dell’altro (sia il partner traditore o un nuovo partner) è un passaggio fondamentale.

 

Di chi è la colpa di un tradimento?

Del traditore, sempre. Perchè se è vero che ciò che porta al tradimento è un disagio che nasce all’interno della coppia (che quindi può essere “colpa” anche dell’altra persona) è il traditore che sceglie di manifestare il suo disagio in questo modo disfunzionale e la responsabilità è solo sua. Il traditore ha il “merito” di aver manifestato, esplicitato il disagio ma ha la colpa di averlo fatto trovando una soluzione individuale ad un problema della coppia.

 

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.








    Partners

    Contattami