Dottore quanto durerà la mia terapia? Questa è una domanda importantissima e legittima da parte del paziente che solitamente viene fatta nei primissimi momenti e incontri della terapia. C’è chi la fa già al telefono durante la prima telefonata di conoscenza per fissare un appuntamento, c’è invece chi la fa durante il primo colloquio. È una domanda molto complicata che per ottenere una risposta necessita una certa comprensione del caso e una certa indagine. A questa domanda generalmente io rispondo “non lo so ancora” perché per ottenere questa informazione servono gli incontri di consultazione ovvero una fase dopo la quale io avrò le idee sufficientemente chiare per dare una previsione relativamente precisa di quanto ci si potrebbe volere sia in termini di colloqui sia in termini di tempo. Non è detto che i colloqui abbiano sempre la stessa cadenza temporale, inizialmente potrebbero infatti essere una volta ogni settimana, successivamente ogni due e poi ogni tre. Una previsione di questo tipo è assolutamente importante e fondamentale anche per l’alleanza terapeutica. Quali sono quindi le informazioni di cui il terapeuta necessita? Da un lato c’è il sintomo quindi il problema per cui la persona arriva e dall’altro c’è la persona quindi il paziente che porta con sé il sintomo e che chiede aiuto. Bisogna necessariamente considerare la tipologia del sintomo, ci sono alcune tipologie di sintomi che potrebbero essere trattati in tempi relativamente più brevi rispetto ad altri sintomi. Oltre a ciò bisogna tuttavia anche considerare la durata del sintomo quindi da quanto la persona vive questo problema, la sua eventuale cronicizzazione e se nel tempo il sintomo ha avuto un’evoluzione. Dall’altro lato è necessario considerare la persona che porta il sintomo, la sua personalità, il suo modo di approcciare il problema, il significato che assume, quali sono le risorse e quali sono quindi le leve che possono essere agite per stimolare il cambiamento desiderato.  Pertanto non è così immediato capire quanto tempo sarà necessario per affrontare il problema ed è importante approfondire tutte queste aree prima di fare una stima.

 

 

 

Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.








Partners

Contattami